Vai al contenuto principale del sito

Recensioni clienti: 4 criteri che spingono l’utente a prenotare la tua struttura

55% degli Italiani consulta una recensione cliente prima di effettuare una prenotazione o un’acquisto online (fonte Ricerca JFC)!

 

Tuttavia, per fidarsi delle recensioni ed essere rassicurati, l’utente prende in considerazioni certi criteri e un giudizio buono non è più sufficiente. Scopri i 4 criteri principali che rassicurano gli utenti e che li invogliano a scegliere la tua struttura per le loro vacanze!

 

1. La qualità delle recensioni

 

Iniziano dall’evidenza: avere recensioni clienti positive. Logicamente, nessun utente ha voglia di prenotare in una struttura giudicata negativamente! Se uno dei tuoi clienti ti mostra la sua soddisfazione per il soggiorno, insisti affinché ti lasci una recensione su un portale o sui social networks.

Se siete in presenza di un cliente scontento, prenditi del tempo per rispondergli. Più del 60% delle persone interpellate hanno detto che in generale, leggere le risposte rilasciate dalla direzione invoglia di più a prenotare (in confronto a una struttura che non avrebbe risposto ai suoi clienti) (Fonte: Tripadvisor).

 

2. La cronologia delle recensioni

 

Qual è la data dell’ultima recensione postata sulla tua pagina Tripadvisor, Booking, ecc.? La cronologia delle recensioni è fondamentale e rassicura l’utente. E con cronologia delle recensioni intendiamo le recensioni che datano di qualche giorno o di qualche settimana. Non di 2 o 3 mesi! Se così fosse, rischieresti di accumulare ritardo rispetto alla tua concorrenza e di lasciarti scappare potenziali clienti: a parità di giudizio, un utente preferisce rivolgersi alla concorrenza se possiede recensioni più recenti delle tue. Se le tue recensioni sono vecchie, ci si potrebbe chiedere se la struttura esiste ancora, se le informazioni sono corrette e se le recensioni sono effettivamente affidabili. E un utente insicuro è un utente meno incline a diventare cliente!

 

Anche i portali tengono ben presente questo aspetto. Ne è un valido esempio Tripadvisor che ha aggiornato il suo algoritmo lo scorso maggio. La quantità, la qualità e la cronologia delle recensioni erano già tra i principali criteri di classifica. Ma la grande novità è che Tripadvisor ha annunciato di favorire il fattore cronologia ai fattori quantità e qualità. Ad esempio, se hai lo stesso numero di recensioni di un concorrente, ma le tue sono più recenti, verrai classificato meglio.

 

3. La quantità di recensioni

 

Più recensioni hai, meglio è, questo è indiscutibile. L’utente sarà più incline a prenotare in un ristorante che possiede 50 recensioni piuttosto che rivolgersi da un concorrente che ne possiede soltanto 3. Perché la quantità rassicura: si ha l’impressione che più recensioni ci sono, e più queste riflettono fedelmente la struttura…

 


 

85 contro 5 recensioni lasciate su Tripadvisor per due hotel concorrenti nella città di Laval (Paesi della Loira)

 

Prendiamo un esempio. Ecco due hotel che si trovano nella stessa città. I loro giudizi sono abbastanza simili (l’hotel Marin ha solo 1/2 punto in più rispetto al suo concorrente) ma il primo è classificato secondo, mentre che l’altro dodicesimo. Come spiegare questa differenza? É molto semplice: l’hotel Marin possiede 85 recensioni… contro le 5 dell’Arobase Hotel. Tripadvisor ha quindi declassato Arobase Hotel per mettere più in rilievo l’hotel Marin. Queste recensioni clienti gli hanno permesso di ottenere un certificato di eccellenza.

 

4. La diversità dei siti di recensioni

 

Essere presenti su più portali di recensioni ti assicura una migliore visibilità su Internet. Alcuni siti di recensioni possono sembrare indispensabili, come Tripadvisor se possiedi un hotel. Sappi che, tuttavia, ne esistono molti altri: PagineGialle, Yelp, TheFork, Zoover (il Tripadvisor olandese), ecc. I tuoi clienti possono anche apparire sulla tua scheda Google MyBusiness quando cercano dei locali (tramite una mappa o un riquadro sulla destra dei risultati).

 

In materia di siti di recensioni, Tripadvisor rimarrà probabilmente il sito di riferimento. Ma utilizzando diversi portali, sarai sicuro di raggiungere tutti i tuoi clienti potenziali! Ad esempio, i giovani saranno più fan delle applicazioni mobili come Yelp o i social networks. Mentre che le persone più adulte rimarranno fedeli alle PagineGialle. L’obiettivo è di essere presenti laddove gli utenti cercano informazioni sulla tua struttura!

 


 

Esempio di recensioni lasciate per il ristorante Papy’s (Borgogna) su Tripadvisor, Yelp, PagineGialle, scheda Google MyBusiness

 

Come vedi, i tuoi clienti possono lasciarti un commento su diversi portali e social networks. E a meno che non ci si vogliano passare ore e ore (che non hai), risulta difficile verificare se questi 4 criteri vengono rispettati oppure no.

 

Questa é la ragione per la quale appyourself ha lanciato un dispositivo e-reputazione. Lo scopo è quello di permetterti di seguire e di analizzare l’evoluzione delle recensioni postate riguardanti la tua struttura su più di 50 portali: i tuoi giudizi, numero e cronologia delle recensioni… E tutto questo direttamente disponibile sull’interfaccia appyourself !