Vai al contenuto principale del sito

Posizionamento naturale Google: 3 evoluzioni da ricordare

I criteri di Google per posizionarti sul tuo sito secondo le ricerche degli utenti evolvono costantemente! Torniamo sui 3 punti che sono cambiati nel corso del 2016 e che condizioneranno il tuo sito Internet nel 2017!

 

1. L’ottimizzazione del sito per mobile

 

Ti ricordi del primo aggiornamento di Marzo 2016 che indicava che i siti che non rispettavano i criteri Google di ottimizzazione mobile sarebbero stati penalizzati nei risultati di ricerca? Il mobile-friendly è diventato un criterio considerato a tutti gli effetti dal motore. Ma fino ad ora le conseguenze erano rimaste poco visibili. Lo scorso Maggio Google ha annunciato una modifica del suo algoritmo al fine di  rinforzare l’aggiornamento di Marzo sui siti non mobili, ma a partire dal 10 Gennaio 2017 Google non accetterà nemmeno più i siti web mobili: quello che Mountain View richiede è un sito web responsive design, un sito Internet che si adatti a smartphone e tablet, un sito che non richieda agli utenti mobili di ritrovarsi su una versione adattata a questi dispositivi.

 

Non smetteremo mai di ripeterlo, e il solo e unico modo per sapere se il tuo sito è compatibile con tutti i supporti mobili é quello di fare il test Google! E per aiutarti nella missione, ecco il test mobile Google a tua disposizione! Inserisci l’indirizzo del tuo sito e in meno di 1 minuto scoprirai se il tuo sito è adattato oppure no!

 

2. La velocità di caricamento delle pagine… mobili!

 

I criteri legati all’esperienza di navigazione dell’utente diventano sempre più importanti. Avere un sito che integra parole chiave pertinenti in ogni pagina e un contenuto di qualità è sicuramente importante, ma occorre anche proporre all’utente un sito che si carichi velocemente. Nulla di nuovo fino a qui, poiché la velocità di caricamento del tuo sito è un criterio richiesto dal 2010! Ma qui Google annuncia un cambiamento, cioè che la velocità di caricamento delle tue pagine mobili verrà anch’essa presa in considerazione dal robot. Questo è uno dei criteri che permettono al tuo sito di potersi vedere attribuito il marchio “mobile-friendly”!

 

Attenzione, questa novità non è stata ancora resa nota, ma verrà annunciata entro fine anno o inizio 2017 (come sempre Google non svela la data precisa). Il nostro consiglio? Verifica che il tuo sito non abbia un punteggio troppo basso sulla rapidità di visualizzazione delle pagine, così da anticipare il prossimo aggiornamento. Per questo ti consigliamo di eseguire il test di Google PageSpeed Insight

 

3. La presenza di recensioni clienti sul tuo sito

 

 

Quando parliamo di tag, ci riferiamo al modo in cui Google legge e capisce il contenuto del tuo sito. É quindi valido per le recensioni dei clienti presenti sul tuo sito.

 

 

Il 77% degli utenti ritiene fondamentale la ricerca di recensioni prima di prenotare una struttura ricettiva (DMAI)

 

 

Se le recensioni non appaiono sul tuo sito Internet, l’utente abbandonerà il sito per andare a vedere Tripadvisor o altri siti di recensioni. Il rischio? Perdere la possibilità di fare una vendita diretta! Ma qual è il rapporto con il posizionamento naturale e l’utilizzo dei tag, ti chiederai? Ebbene, il modo in cui integri le recensioni online sul tuo sito Internet ha un impatto sul posizionamento naturale! Google ha pubblicato a Settembre 2016 nuove regole da seguire in materia di recensioni online, tra le quali:

 

  • Non includere recensioni simili o doppioni provenienti da diverse risorse o imprese.
  • Includi solamente le recensioni direttamente pubblicate sul tuo sito e non le recensioni di parti terze.

 

Fai attenzione, quindi, se copi/incolli delle recensioni già pubblicate su Tripadvisor, Google+, Booking.com, Yelp ecc: rischieresti di essere penalizzato dal motore di ricerca! La soluzione migliore resta quella di fare appello a una soluzione terza che permetta di raccogliere le tue recensioni attraverso un’email e di diffonderle in maniera aleatoria sui siti di recensione e sul tuo sito. In questo modo non rischierai alcun duplicato delle recensioni.

 

Qual è il valore aggiuntivo di questa soluzione? Delle stelle appariranno accanto al link del tuo sito sui risultati Google, ciò che già prima si verificava per i link che reinviavano alla tua pagina presente sui portali. Ciò che non succede se copi tu stesso delle recensioni sul tuo sito o se dai la possibilità a chiunque di scrivere due parole su una pagina del tuo sito. (Google non capisce che si tratta di recensioni)